Garmin edge 830

Il Garmin Edge 830 è in circolazione da tre anni, ma è ancora un ottimo ciclocomputer GPS. Il suo software ben sviluppato e le sue prestazioni decenti fanno sì che valga ancora la pena di prenderlo in considerazione se avete bisogno di una nuova unità principale completa.

Negli ultimi anni, Garmin è stata messa sotto pressione da produttori del calibro di Wahoo, Hammerhead, Lezyne, Bryton e altri ancora, che hanno tutti rilasciato nuovi computer da bicicletta con l'obiettivo di spodestare il re del castello di lunga data. È uno spazio competitivo, non c'è dubbio.

Potete dare un'occhiata alla nostra rubrica sulle 10 migliori unità GPS per ciclismo disponibili al momento, che presenta gli ultimi modelli di tutti questi marchi.

L'Edge 830 non è presente nell'elenco (ancora) perché non l'abbiamo avuto in prova fino ad ora, ma è sicuramente degno di nota.

"È un Edge 1030 (Plus)... solo più piccolo".

Se avete bisogno di un'unica frase per capire dove si colloca l'Edge 830 nella scuderia Garmin, è questa. Si colloca tra l'ammiraglia Edge 1030 Plus, che ha sostituito l'Edge 1030 originale un paio d'anni fa, e l'Edge 530. Ma a tutti gli effetti si tratta di un 1030 ridimensionato.

Questo non sorprende, visti i recenti trascorsi di Garmin nello sviluppo dei prodotti: di solito produce un nuovo modello di punta di grandi dimensioni, per poi filtrare la tecnologia in unità "minori", più piccole. La principale differenza tra il 1030 e l'830 è la dimensione dello schermo, oltre a una memoria interna più piccola da 16 GB. Il 1030 Plus ha migliorato il 1030 originale, ma ha preso alcune tecnologie dall'830 per farlo (come lo schermo), quindi si tratta comunque di un'unità di qualità superiore.

Ha praticamente tutte le funzioni del 1030/1030 Plus e la compatibilità con tutti i più recenti protocolli ANT+ e Bluetooth per il collegamento a tutte le periferiche in vostro possesso. Può connettersi direttamente al WiFi per gli aggiornamenti over-the-air e la sincronizzazione (per questo e per la ricarica è comunque disponibile un cavo dati micro-USB) e può anche connettersi al telefono per la sincronizzazione e per funzioni come LiveTrack, GroupTrack e notifiche push.

Garmin edge 830 0

Ho collegato l'830 al mio smart trainer Saris H3, ai pedali misuratori di potenza Rally RK200, al sensore di cadenza, al cardiofrequenzimetro e a un gruppo Shimano Di2 compatibile, e ognuno di essi si è accoppiato senza problemi e ha offerto subito la sua gamma completa di funzioni.

L'830 è in grado di riconoscere il kit a cui è abbinato e di creare automaticamente delle schermate per visualizzare alcuni dei parametri principali. Questo funziona meglio con l'ecosistema Garmin, per cui accoppiando il mio Garmin HRM-Dual e i pedali misuratori di potenza Rally RK200 si ottengono schermate di dati create automaticamente.

Naturalmente, le schermate sono completamente personalizzabili e si può combinare praticamente qualsiasi combinazione della sconcertante gamma di metriche Garmin. Qualsiasi utente Garmin esperto avrà probabilmente familiarità con queste schermate, ma il touchscreen a colori da 246x322 pixel offre abbastanza dettagli per inserire 10 campi in una pagina e mantenere una buona leggibilità.

Garmin edge 830 1

Le pagine ad alto contenuto grafico, come la mappa e la visualizzazione delle dinamiche ciclistiche generate automaticamente, sono tutte facili da leggere a colpo d'occhio. La visualizzazione della mappa può essere personalizzata in termini di livello di zoom e di dettaglio, come ci si potrebbe aspettare, mentre la pagina delle dinamiche ciclistiche offre una visione interessante quando si utilizzano i pedali Rally di Garmin.

Se volete un elenco completo di queste funzioni e metriche, consultate il link al sito web di Garmin in alto.

Navigazione

Una volta caricato un percorso compatibile sull'unità (tramite un metodo di sincronizzazione o trascinando un file attraverso una connessione fissa), il percorso è chiaro e facile da seguire. È possibile sfidarlo chiedendo di tornare a casa attraverso il metodo più diretto o le strade più popolari, e ogni volta che gli ho chiesto di farlo lo ha fatto in modo competente senza indirizzarmi su percorsi fuoristrada casuali.

Quando si seleziona il percorso diretto per tornare a casa, a volte si scelgono strade un po' troppo grandi o trafficate, e un punto dolente è che Garmin non ha ancora capito bene la mentalità del "ciclista conosce il meglio". Ad esempio, se si esce da un percorso, magari perché la strada era troppo grande o trafficata, il sistema cerca ostinatamente di farvi fare un'inversione a U per un periodo troppo lungo per i miei gusti, invece di fidarsi, dopo alcune notifiche di inversione ignorate, del fatto che potrei aver scelto la mia deviazione non pianificata per una buona ragione e di reinstradarla lungo il percorso.

L'830 è anche dotato di ClimbPro, che riconosce automaticamente le salite su un determinato percorso (è possibile selezionare la difficoltà delle salite da tre preimpostazioni durante la configurazione iniziale) e offre metriche davvero utili sulla distanza da percorrere e sulle pendenze imminenti, in modo da poter misurare meglio il proprio sforzo.

Si distingue dalla funzionalità Live Segment di Strava, che funziona su tutti i segmenti preferiti, ovunque essi siano, e offre un elemento competitivo. Ho riscontrato pochi conflitti tra le due funzioni e nelle occasioni in cui un segmento live di Strava si sovrapponeva a una salita di ClimbPro, ho notato che l'unità normalmente preferiva mostrare la funzione Strava, che suppongo sia tecnicamente "aggiunta" per scelta invece di essere integrata... anche se è possibile disattivare completamente ClimbPro se si desidera.

Usabilità fisica e design

Considerando che l'830 ha ormai tre anni, sono rimasto impressionato dalla velocità dell'unità, dalla reattività del touchscreen e dalla semplicità generale dell'interfaccia.

Ho posseduto un Edge 510 e ho testato un Edge 820, entrambi dotati di touchscreen, e l'830 è la prima volta che l'esperienza è stata davvero abbastanza veloce da tenere il passo con me. In effetti, la mia attuale unità principale è un Edge 520 Plus (con un'interfaccia a pulsanti), e fino a questo momento mi è piaciuta proprio perché non aveva un touchscreen lento e lento. Questo non è più un problema.

Garmin edge 830 2

I menu sono chiari e facili da navigare - a volte faccio fatica a trovare un particolare menu secondario delle impostazioni, ma con l'uso sono riuscito a capire dove si trovano le cose importanti (o semplicemente a chiedere a Google!).

L'unico vero problema di usabilità che ho notato è dovuto alle maggiori dimensioni dell'unità sul bordo inferiore (insieme al posizionamento del meccanismo a un quarto di giro) rispetto al mio Edge 520 Plus. I pulsanti Start/Stop e Lap si trovano ancora alla base, ma quando sono montati sul mio attuale supporto K-Edge out-front, questi pulsanti non sono facilmente accessibili con il pollice perché sono un po' vicini al frontalino dello stelo.

Garmin edge 830 3

Certo, si può usare il supporto esterno anteriore di Garmin o un supporto di terze parti più lungo... ma il primo rimane ingombrante e antiestetico - e a me piacciono i miei supporti K-Edge esistenti!

È anche un peccato che ci siano cornici così spesse intorno al display. Nell'era dei display edge-to-edge che massimizzano le dimensioni dello schermo entro un certo ingombro, l'Edge 830 sembra un po' datato rispetto alla concorrenza e al mondo tecnologico in generale.

Garmin edge 830 4

La durata della batteria è facilmente sufficiente per un'intera giornata di guida: si arriva a 20 ore se si è parsimoniosi con gli input e non ci si preoccupa di mettere lo schermo in modalità sleep di tanto in tanto. Con tutti i sensori collegati l'autonomia si riduce un po', ma dopo una corsa di 4,5 ore con i sensori collegati sono tornato a casa con il 78% di batteria residua.

Conviene comprarne uno adesso?

Questa sarà la domanda più scottante per molti. Data l'età dell'830, non è irragionevole sperare in una nuova generazione di hardware da lanciare nel prossimo futuro. Questa logica si applica a tutta la gamma Edge di Garmin con un "30".

I marchi non riveleranno mai pubblicamente se un nuovo hardware è in arrivo, ma ho chiesto a Garmin quali fossero i suoi piani per quanto riguarda la fornitura di aggiornamenti software continui per l'Edge 830. Garmin mi ha risposto che dal suo lancio ha continuato ad aggiornare l'830 con miglioramenti alla cartografia, al routing, alle funzionalità e altro ancora.

Anche se questo non garantisce nulla per il futuro, Garmin ha un'esperienza consolidata nel continuare ad aggiornare le unità quando non sono di ultima generazione (ad esempio, il mio Edge 520 ha recentemente ricevuto un aggiornamento completo delle mappe e una compatibilità aggiornata per il sistema radar), quindi sono abbastanza fiducioso che questo continuerà per l'830.

Il vantaggio di avere un'unità di tre anni fa è che i suoi bug sono già stati eliminati dagli aggiornamenti. Quando ho configurato l'830 per la prima volta, si è subito messo a scaricare e installare il software e la cartografia più recenti. Ci sono un po' di cose da fare, ma se lo fate prima di usarlo, avrete un'unità principale completamente aggiornata con un software collaudato.

Se siete il tipo di persona che ha bisogno di essere all'avanguardia del ciclo del prodotto quando acquista un kit, allora potrebbe valere la pena aspettare di vedere se Garmin lancia una nuova gamma di unità principali quest'estate o subito dopo.

Tuttavia, se avete bisogno di una nuova unità principale ora e volete che sia una Garmin, non c'è pericolo che l'830 sia irrimediabilmente superato nel prossimo futuro ed è la mia scelta del gruppo se non avete bisogno (o il budget) per il 1030 Plus con schermo grande. Funziona in modo fluido e reattivo, è un piacere da usare e sembra essere privo di bug.

Valore

Garmin vende l'Edge 830 a 349,99 euro. Non c'è dubbio che si tratti di un sovrapprezzo se lo si confronta con il Wahoo Elemnt Bolt da 264,99 euro, che ha ottenuto 8/10 dal redattore tecnico Mat.

Il Lezyne Mega XL, recensito da Dave nel 2018, è di nuovo inferiore a 180 euro, anche se si inizia a sacrificare un po' di usabilità.

Un concorrente interessante è l'Hammerhead Karoo 2 a circa dieci euro in più, che sembra essere incredibilmente facile da usare e ben fatto. Anna ha avuto pochissimo da dire al riguardo, assegnandogli un punteggio di 9/10. Si è anche guadagnato un posto ambito nella classifica dei consigli di dalbellobike.it.

Conclusione

Forse sta diventando un po' vecchiotto, ma il Garmin Edge 830 è invecchiato molto bene. Se avete bisogno di un'unità principale con tutte le funzioni e volete che sia un Garmin, il modello 830 è probabilmente il migliore del gruppo.

Il verdetto

Ha tre anni, ma il Garmin Edge 830 è ancora vivo: è ancora un'ottima opzione.